ONG=MULTINAZIONALI DEL SOCIALE, LA MAGGIOR PARTE DELLE RISORSE SOCIALI VENGONO SPESE DA QUESTE NEL MONDO MENTRE IN ITALIA LA DISABILITA' E' STATA ABBANDONATA

Mercoledì, 5 Luglio, 2017

Vi siete mai chiesti come fanno ad avere così tanto potere... commerciale, politico, sociale, ecc... le varie cooperative e associazioni nazionali (meglio identificate come ONG), pensate... da anni fanno anche campagne pubblicitarie da centinaia di migliaia di euro?

Non si discute le loro finalità, tutte di grande impegno  umanitario, ma queste “multinazionali” del sociale hanno però perso lo spirito e aderenza con il territorio, le loro azioni sociali sono tutte fuori dal nostro territorio, si possono permettere navi che solcano i mari di tutto il mondo (Medici senza frontiere, Save the Children, ecc..). Il Governo dà loro moltissime delle risorse Istituzionali ogni anno, poi bisognerebbe capire le loro rendicontazione verso gli uffici competenti come avvengono.

Infine queste multinazionali del sociale italiane applicano concetti di lobbysmo, come avviene negli Stati Uniti, solo che non abbiamo la stessa cultura e la trasparenza americana. Qui in Italia il lobbysmo si applica non ufficialmente, troviamo “padrini” ( parlamentari o partiti) che le aiutano a prendere più soldi pubblici, in cambio garantiscono voti.

Le Associazioni che invece hanno finalità che sono totalmente aderenti al nostro territorio italiano, offrendo servizi alle persone che vivono le difficoltà che il nostro Paese fa vivere, ecco queste si devono prendere le briciole che lasciano le multinazionali.

Queste briciole devono poi passare il filtro dei “padrini” del partito di turno, il quale si adopera per far convogliare la gran parte delle briciole ad associazioni “colorate” ad hoc, purché in cambio diano una contropartita  in voti al momento giusto (mafia capitale docet).

A questo punto arriviamo noi, senza “padrini”, senza “colori”... operatori diretti con poveri ITALIANI, disabili ITALIANI, disadattati ITALIANI, malati ITALIANI, che combattiamo ogni giorno per trovare qualche migliaio di euro e con leggi che non vengono più applicate, così tamponiamo le mancanze create da partiti che fanno in modo che le nostre risorse sociale vadano nel mondo con le multinazionali del sociale a fare interventi per almeno un MILIARDO DI EURO ALL’ANNO

Il pensiero che viene è... se dimezzassimo queste risorse verso le multinazionali del sociale, faremmo vivere meglio coloro che vivono un forte disagio in Italia!!!  

Qui a seguire vi diamo un esempio concreto di quanto affermiamo, troverete solo l’imponibile dichiarato (2015) di queste multinazionali del sociale, tutti spesi in chissà quale parte del mondo....

unicef - Comitato Italiano per l'UNICEF onlus  55.001.231,00

Medici Senza Frontiere Italia  52.344.331,00

Emergency Ong Onlus  51.936.291,00

ActionAid Italia International Onlus  47.887.617,00

Fondazione AVSI  46.321.066,00

INTERSOS - Organizzazione Umanitaria Onlus  36.991.095,00

COOPI Cooperazione Internazionale  36.577.622,00

CISP  33.708.228,93

MEDICI CON L'AFRICA CUAMM  21.797.096,00

Cesvi  21.408.019,00

...ora che vi abbiamo fatto capire come stanno le cose, rivediamo i luoghi comuni legati a queste multinazionali, rivalutando associazioni che non hanno le flotte in giro per i mari, ma sono davvero a fianco degli ultimi in Italia per le strade... e non solo farsi vedere negli spot televisivi!